Recensione: Carmen Betti, La prodiga mano dello stato