A proposito di "Lingua e rivoluzione nel Triennio rivoluzionario"