K.H. Bohrer, Il fantastico romantico come coscienza decentrata