ABSTRACT Nella contaminazione dei modelli e delle scritture, nella confusione postmoderna dei linguaggi e degli stili, tentare, per il giallo e il noir, una «definizione di territorio» sembra un’operazione quanto meno anacronistica. Per verificare l’ipotesi dell’esistenza di una presunta zona classica del genere e stabilire una sorta di canone alle soglie del terzo millennio è necessario risalire alle radici storiche del romanzo d’indagine, dalla sua prima codificazione alle varie specifiche storico-geografiche: all’inglese, all’americana, alla francese e infine, all’italiana. Da Poe a Conan Doyle, da Agatha Christie a George Simenon, dall’hard boiled al noir per approdare all’Italia in giallo e nero, da De Angelis a Camilleri, passando per Scerbanenco e attraversando Gadda,Sciascia ed Eco, il saggio presenta in sintesi le articolazioni molteplici di un genere letterario investito da una popolarità sempre in crescita, ai limiti dell’inflazione e dell’implosione, talora caricato della pesante responsabilità di un nuovo “impegno”. Raccontare il crimine, , nella sua dimensione massificata ma anche negli aspetti intimi più sfuggenti, si trasforma sempre più in un allucinante viaggio di scoperta all’interno del delitto, spesso senza consolanti risarcimenti o soluzioni rassicuranti, come metaforica esplorazione del cuore di tenebra della realtà contemporanea, nel pubblico come nel privato, in caccia di una razionalità sempre più sfuggente e aleatoria, di una verità insabbiata, misconosciuta, nascosta, manipolata, negata, per l’affermazione di valori sempre più irrisi e sempre meno attuali in una società massmediologica, omologata e omogeneizzata dal desiderio del potere come dalla narcisistica esibizione del successo.

Giallo e noir. Dalla tradizione al postmoderno / E.Bacchereti. - In: PARAGONE. LETTERATURA. - ISSN 1120-4745. - STAMPA. - ....:(2008), pp. 105-142.

Giallo e noir. Dalla tradizione al postmoderno

BACCHERETI, ELISABETTA
2008

Abstract

ABSTRACT Nella contaminazione dei modelli e delle scritture, nella confusione postmoderna dei linguaggi e degli stili, tentare, per il giallo e il noir, una «definizione di territorio» sembra un’operazione quanto meno anacronistica. Per verificare l’ipotesi dell’esistenza di una presunta zona classica del genere e stabilire una sorta di canone alle soglie del terzo millennio è necessario risalire alle radici storiche del romanzo d’indagine, dalla sua prima codificazione alle varie specifiche storico-geografiche: all’inglese, all’americana, alla francese e infine, all’italiana. Da Poe a Conan Doyle, da Agatha Christie a George Simenon, dall’hard boiled al noir per approdare all’Italia in giallo e nero, da De Angelis a Camilleri, passando per Scerbanenco e attraversando Gadda,Sciascia ed Eco, il saggio presenta in sintesi le articolazioni molteplici di un genere letterario investito da una popolarità sempre in crescita, ai limiti dell’inflazione e dell’implosione, talora caricato della pesante responsabilità di un nuovo “impegno”. Raccontare il crimine, , nella sua dimensione massificata ma anche negli aspetti intimi più sfuggenti, si trasforma sempre più in un allucinante viaggio di scoperta all’interno del delitto, spesso senza consolanti risarcimenti o soluzioni rassicuranti, come metaforica esplorazione del cuore di tenebra della realtà contemporanea, nel pubblico come nel privato, in caccia di una razionalità sempre più sfuggente e aleatoria, di una verità insabbiata, misconosciuta, nascosta, manipolata, negata, per l’affermazione di valori sempre più irrisi e sempre meno attuali in una società massmediologica, omologata e omogeneizzata dal desiderio del potere come dalla narcisistica esibizione del successo.
....
105
142
E.Bacchereti
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
ABSTRACT Giallo e noir.docx

accesso aperto

Tipologia: Altro
Licenza: Open Access
Dimensione 12.1 kB
Formato Microsoft Word XML
12.1 kB Microsoft Word XML Visualizza/Apri

I documenti in FLORE sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2158/349076
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact