'Grammè', 'graphè'. Dalla "descriptio" alfanumerica alla veduta prospettica