Agorafobia: disturbo reale o epifenomeno dei sistemi classificativi?