ABSTRACT LA FORMA DELLA MEMORIA: IL PROGETTO DELLA FERRARI 500 ALASPESSA Massimo Grandi ED. ALINEA FIRENZE. 2004 Vi è qualcosa nella bellezza di alcune auto che sembra non attenere alle categorie del reale, ma a quelle dello spirito, che è quasi inutile ricercare solo nell’analisi delle sue parti, delle sue componenti o anche del suo insieme perché questo qualcosa affonda le sue radici e le sue ragioni, il suo stesso essere in una condizione dello spirito, nelle stagioni della memoria, in una regione del tempo e delle cose particolare. E’ il caso questo delle auto Ferrari. Spesso si legge o si sente affermare, parlando della Ferrari che essa è prima di tutto una immagine, che essa è portatrice, al di là del suo valore intrinseco, di un plusvalore non contabilizzabile, non oggettivabile perché appartenente prima di tutto all’universo immaginario collettivo. Il fatto rilevante però è che questo immaginario non è il prodotto di un’azione di marketing, non è generato neppure da un’idea condensata nella forma del desiderio di un bene esclusivo e di lusso. Questa plusvalenza immaginifica è qualcosa di più complesso, in essa dobbiamo rileggere una fase particolare della nostra storia e della nostra cultura, la storia singolare di Enzo Ferrari, il suo ruolo in questa storia collettiva, il mondo, il geist delle corse, le auto da corsa, cioè nate per correre e le corse, il mondo delle corse automobilistiche, nel periodo che noi consideriamo e che va dagli anni ’30 agli anni ’50, sono la rappresentazione di una liturgia laica, un rituale che si incarna nei motori, nella nafta, nel grasso dei cuscinetti, nell’auto da corsa come opera d’arte autentica della cultura macchinista degli anni “metallici” dell’Italia prebellica e della successiva ricostruzione. Al momento di accingermi a procedere nel progetto di una nuova Ferrari sono voluto ripartire proprio da queste considerazioni, da quelle che io ritengo essere la necessità o forse semplicemente le possibilità di ripartire dalle radici dell’idea, dall’anima internae “primitiva” della macchina-Ferrari, da quel mondo concettuale, ma anche materiale. Il progetto rappresentato in questo volume non tende a recuperare in chiave moderna gli elementi stilistici del passato, ma rappresenta il tentativo di reificare un’anima, dare corpo allo “spirito della macchina”, alle origini ontologico dell’idea Ferrari. Questo libro è in fondo la presentazione di questo progetto, il progetto per la Ferrari 550 Alaspessa, ma anche un tentativo di rappresentazione, attraverso soprattutto il segno grafico, di quell’insieme di elementi materiali e temporali, individuali e collettivi che stanno alla base delle origini della Ferrari e dell’immagine del suo mito.

CAR DESIGN - LA FORMA DELLA MEMORIA: IL PROGETTO DELLA FERRARI 550 ALASPESSA / M. GRANDI. - STAMPA. - (2004).

CAR DESIGN - LA FORMA DELLA MEMORIA: IL PROGETTO DELLA FERRARI 550 ALASPESSA

GRANDI, MASSIMO
2004

Abstract

ABSTRACT LA FORMA DELLA MEMORIA: IL PROGETTO DELLA FERRARI 500 ALASPESSA Massimo Grandi ED. ALINEA FIRENZE. 2004 Vi è qualcosa nella bellezza di alcune auto che sembra non attenere alle categorie del reale, ma a quelle dello spirito, che è quasi inutile ricercare solo nell’analisi delle sue parti, delle sue componenti o anche del suo insieme perché questo qualcosa affonda le sue radici e le sue ragioni, il suo stesso essere in una condizione dello spirito, nelle stagioni della memoria, in una regione del tempo e delle cose particolare. E’ il caso questo delle auto Ferrari. Spesso si legge o si sente affermare, parlando della Ferrari che essa è prima di tutto una immagine, che essa è portatrice, al di là del suo valore intrinseco, di un plusvalore non contabilizzabile, non oggettivabile perché appartenente prima di tutto all’universo immaginario collettivo. Il fatto rilevante però è che questo immaginario non è il prodotto di un’azione di marketing, non è generato neppure da un’idea condensata nella forma del desiderio di un bene esclusivo e di lusso. Questa plusvalenza immaginifica è qualcosa di più complesso, in essa dobbiamo rileggere una fase particolare della nostra storia e della nostra cultura, la storia singolare di Enzo Ferrari, il suo ruolo in questa storia collettiva, il mondo, il geist delle corse, le auto da corsa, cioè nate per correre e le corse, il mondo delle corse automobilistiche, nel periodo che noi consideriamo e che va dagli anni ’30 agli anni ’50, sono la rappresentazione di una liturgia laica, un rituale che si incarna nei motori, nella nafta, nel grasso dei cuscinetti, nell’auto da corsa come opera d’arte autentica della cultura macchinista degli anni “metallici” dell’Italia prebellica e della successiva ricostruzione. Al momento di accingermi a procedere nel progetto di una nuova Ferrari sono voluto ripartire proprio da queste considerazioni, da quelle che io ritengo essere la necessità o forse semplicemente le possibilità di ripartire dalle radici dell’idea, dall’anima internae “primitiva” della macchina-Ferrari, da quel mondo concettuale, ma anche materiale. Il progetto rappresentato in questo volume non tende a recuperare in chiave moderna gli elementi stilistici del passato, ma rappresenta il tentativo di reificare un’anima, dare corpo allo “spirito della macchina”, alle origini ontologico dell’idea Ferrari. Questo libro è in fondo la presentazione di questo progetto, il progetto per la Ferrari 550 Alaspessa, ma anche un tentativo di rappresentazione, attraverso soprattutto il segno grafico, di quell’insieme di elementi materiali e temporali, individuali e collettivi che stanno alla base delle origini della Ferrari e dell’immagine del suo mito.
M. GRANDI
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
LA FORMA DELLA MEMORIA cecensione 3.pdf

Accesso chiuso

Tipologia: Altro
Licenza: DRM non definito
Dimensione 51.1 kB
Formato Adobe PDF
51.1 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
LA FORMA DELLA MEMORIA recensione 2.pdf

Accesso chiuso

Tipologia: Altro
Licenza: DRM non definito
Dimensione 76.42 kB
Formato Adobe PDF
76.42 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
LA FORMA DELLA MEMORIA recensione 1.pdf

Accesso chiuso

Tipologia: Altro
Licenza: DRM non definito
Dimensione 63.87 kB
Formato Adobe PDF
63.87 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in FLORE sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2158/7249
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact