Nell'articolo vengono esaminati i panegirici per l'ascesa al soglio metropolitano di Joasaf Krokovs'kyj (ca. 1648-1718), una figura poco conosciuta ma di grande importanza sia per l'Accademia Mohyliana di Kiev che per la Chiesa ortodossa ucraina. Dopo un'attenta analisi, l'autrice giunge alla conclusione che la celebrazione di Joasaf Krokovs’kyj si inscrive nella creazione di un Parnaso Mohyliano e più ampiamente ucraino ortodosso nel quale i personaggi che si erano distinti per le loro azioni meritevoli potevano trovare la loro giusta collocazione. Il fatto che questa celebrazione, particolarmente in poesia, sia priva di riferimenti e paralleli biblici non deve sorprendere, ma è la diretta conseguenza, si potrebbe dire, dell’aspirazione a partecipare alla contemporanea Latinitas europea, che aveva le sue radici nell’Umanesimo-Rinascimento. Questo è testimoniato dalla poetica delle reminiscenze e dalle citazioni delle opere latine di altri autori (sia classici che contemporanei), di cui i poeti neolatini ucraini si appropriano, inserendole, adattandole in modo originale e amalgamandole creativamente con i propri versi.

O felice Rus’, rallegrati! I panegirici per l’ascesa al soglio metropolitano di Joasaf Krokovs’kyj / SIEDINA G.. - ELETTRONICO. - (2013), pp. 121-145.

O felice Rus’, rallegrati! I panegirici per l’ascesa al soglio metropolitano di Joasaf Krokovs’kyj

SIEDINA G.
2013

Abstract

Nell'articolo vengono esaminati i panegirici per l'ascesa al soglio metropolitano di Joasaf Krokovs'kyj (ca. 1648-1718), una figura poco conosciuta ma di grande importanza sia per l'Accademia Mohyliana di Kiev che per la Chiesa ortodossa ucraina. Dopo un'attenta analisi, l'autrice giunge alla conclusione che la celebrazione di Joasaf Krokovs’kyj si inscrive nella creazione di un Parnaso Mohyliano e più ampiamente ucraino ortodosso nel quale i personaggi che si erano distinti per le loro azioni meritevoli potevano trovare la loro giusta collocazione. Il fatto che questa celebrazione, particolarmente in poesia, sia priva di riferimenti e paralleli biblici non deve sorprendere, ma è la diretta conseguenza, si potrebbe dire, dell’aspirazione a partecipare alla contemporanea Latinitas europea, che aveva le sue radici nell’Umanesimo-Rinascimento. Questo è testimoniato dalla poetica delle reminiscenze e dalle citazioni delle opere latine di altri autori (sia classici che contemporanei), di cui i poeti neolatini ucraini si appropriano, inserendole, adattandole in modo originale e amalgamandole creativamente con i propri versi.
9788866555575
Linee di confine. Separazioni e processi di integrazione nello spazio culturale slavo.
121
145
SIEDINA G.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2013 SIEDINA Linee di Confine.pdf

Accesso chiuso

Dimensione 710.12 kB
Formato Adobe PDF
710.12 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in FLORE sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2158/1148420
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact