SU QUALCHE ASPETTO DELLA GRANDE OPERA ITALIANA