Diritto soggettivo e interesse legittimo: una distinzione sfumata del tutto?