Lo scopo del presente contributo è quello di analizzare il modello di gestione del rischio di un’azienda sanitaria particolarmente complessa in ter-mini di ampiezza territoriale e articola-zione strutturale, l’Azienda USL Toscana Sud Est. Tre sembrano i principali punti di forza di tale modello: 1. la strategia aziendale che punta a rafforzare il sistema di risk management e la modalità con cui tale strategia è tradotta all’interno dei meccanismi operativi (l’integrazione nel sistema di budget di specifiche azioni di gestione del rischio); 2. la peculiarità della struttura organizzativa scelta (la creazione di tre aree dipartimentali dedicate al tema del rischio); 3. il rilevante investimento dedicato allo sviluppo di una cultura aziendale orientata al risk management (la promozione di modalità proattive di gestione del rischio incentrate sul no blame culture). In un panorama italiano diversificato, riguardo ai modelli di risk management delle aziende sanitarie, il caso analizzato rappresenta un’interessante prospettiva a cui guardare come modello di governance del rischio.

Qualità, sicurezza delle cure e risk management: il modello dell’Azienda USL Toscana Sud Est / Anna Romiti, Antonio D’Urso, Simona Dei, Roberto Turillazzi, Maria Giovanna D’Amato, F. Taddeini, E. Capitani, S. Limaj, M.P. Fiori, E. Franci, L. Brunelli, R . Monaco, S. Mazzoli, L. Menozzi, P.G. Macrì. - In: MECOSAN. - ISSN 1121-6921. - ELETTRONICO. - 125:(2023), pp. 151-167. [10.3280/mesa2023-125oa16864]

Qualità, sicurezza delle cure e risk management: il modello dell’Azienda USL Toscana Sud Est

Anna Romiti
;
E. Franci;L. Brunelli;R . Monaco;L. Menozzi;
2023

Abstract

Lo scopo del presente contributo è quello di analizzare il modello di gestione del rischio di un’azienda sanitaria particolarmente complessa in ter-mini di ampiezza territoriale e articola-zione strutturale, l’Azienda USL Toscana Sud Est. Tre sembrano i principali punti di forza di tale modello: 1. la strategia aziendale che punta a rafforzare il sistema di risk management e la modalità con cui tale strategia è tradotta all’interno dei meccanismi operativi (l’integrazione nel sistema di budget di specifiche azioni di gestione del rischio); 2. la peculiarità della struttura organizzativa scelta (la creazione di tre aree dipartimentali dedicate al tema del rischio); 3. il rilevante investimento dedicato allo sviluppo di una cultura aziendale orientata al risk management (la promozione di modalità proattive di gestione del rischio incentrate sul no blame culture). In un panorama italiano diversificato, riguardo ai modelli di risk management delle aziende sanitarie, il caso analizzato rappresenta un’interessante prospettiva a cui guardare come modello di governance del rischio.
2023
125
151
167
Anna Romiti, Antonio D’Urso, Simona Dei, Roberto Turillazzi, Maria Giovanna D’Amato, F. Taddeini, E. Capitani, S. Limaj, M.P. Fiori, E. Franci, L. Brunelli, R . Monaco, S. Mazzoli, L. Menozzi, P.G. Macrì
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
13_MesaOA_125_23Romitietal.pdf

Accesso chiuso

Tipologia: Pdf editoriale (Version of record)
Licenza: Creative commons
Dimensione 950.6 kB
Formato Adobe PDF
950.6 kB Adobe PDF   Richiedi una copia

I documenti in FLORE sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificatore per citare o creare un link a questa risorsa: https://hdl.handle.net/2158/1357422
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact