Kubrick, Freud e la coazione a ripetere