I segni divenuti di "uso comune" e la loro non registrabilità come marchi