Tabucchi, «L'angelo nero» e gli animali inquietanti