GIORGIO MANGANELLI. LA SCRITTURA E IL SUO DOPPIO