DUE MODELLI DI LETTURA DELLE «CONFESSIONI D'UN ITALIANO»