Tuthaliya IV, per accrescere all’interno del paese il consenso nei propri confronti e tenere la situazione sotto controllo, cercò di conciliare innovazione e rispetto della tradizione utilizzando due strumenti consolidati nel tempo: lo strumento legale dell’imposizione di giuramento e lo strumento amministrativo dell’inventario di culto. Le imposizioni di giuramento da lui emanate, SAG 1 e 2 (CTH 255.2 e 1), legano questo sovrano ai soli membri della classe dirigente dello stato e differiscono dai precedenti giuramenti nell’occasione, nelle disposizioni, nei destinatari e nella struttura. Gli inventari di culto, che riprendono e intensificano una prassi tradizionale, consentono a Tuthaliya di mostrare la sua pietas verso gli dei e di comunicare alla popolazione la vicinanza e la sollecitudine del re. Significativo in questo senso il testo KUB 56.56, che registra le forniture per le divinità della città di Hurma, che appartiene al grande distretto religioso dell’Anatolia centro-orientale, comprendente anche Karahna, Samuha, Kummanni e Sarissa,: in questo caso la ristrutturazione porta all’introduzione del culto delle divinità simbolo della regalità e del dio protettore personale del re (DLAMMA.LUGAL, DDAG, Zithariya). Tuthaliya riesce così a rafforzare la legittimazione religiosa della regalità e a realizzare quella sacralizzazione della figura del re implicita nei documenti giustificatori del padre.

The system of government at the time of Tuthaliya IV / F. PECCHIOLI. - STAMPA. - (2006), pp. 117-130.

The system of government at the time of Tuthaliya IV

PECCHIOLI, FRANCA
2006

Abstract

Tuthaliya IV, per accrescere all’interno del paese il consenso nei propri confronti e tenere la situazione sotto controllo, cercò di conciliare innovazione e rispetto della tradizione utilizzando due strumenti consolidati nel tempo: lo strumento legale dell’imposizione di giuramento e lo strumento amministrativo dell’inventario di culto. Le imposizioni di giuramento da lui emanate, SAG 1 e 2 (CTH 255.2 e 1), legano questo sovrano ai soli membri della classe dirigente dello stato e differiscono dai precedenti giuramenti nell’occasione, nelle disposizioni, nei destinatari e nella struttura. Gli inventari di culto, che riprendono e intensificano una prassi tradizionale, consentono a Tuthaliya di mostrare la sua pietas verso gli dei e di comunicare alla popolazione la vicinanza e la sollecitudine del re. Significativo in questo senso il testo KUB 56.56, che registra le forniture per le divinità della città di Hurma, che appartiene al grande distretto religioso dell’Anatolia centro-orientale, comprendente anche Karahna, Samuha, Kummanni e Sarissa,: in questo caso la ristrutturazione porta all’introduzione del culto delle divinità simbolo della regalità e del dio protettore personale del re (DLAMMA.LUGAL, DDAG, Zithariya). Tuthaliya riesce così a rafforzare la legittimazione religiosa della regalità e a realizzare quella sacralizzazione della figura del re implicita nei documenti giustificatori del padre.
2006
9789062583140
The Life and Times of Hattusili III and Tuthaliya IV. Proceedings of a Symposium held in honour of J. de Roos, 12-13 December 2003, Leiden
117
130
F. PECCHIOLI
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
PIHANS_103.pdf

Accesso chiuso

Tipologia: Versione finale referata (Postprint, Accepted manuscript)
Licenza: DRM non definito
Dimensione 258.56 kB
Formato Adobe PDF
258.56 kB Adobe PDF   Richiedi una copia
344_cmc=346&wra=72&mun=2_Pecchioli.pdf

Accesso chiuso

Tipologia: Versione finale referata (Postprint, Accepted manuscript)
Licenza: DRM non definito
Dimensione 246.67 kB
Formato Adobe PDF
246.67 kB Adobe PDF   Richiedi una copia

I documenti in FLORE sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificatore per citare o creare un link a questa risorsa: https://hdl.handle.net/2158/230686
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact