PER UNA TEORIA DEL CONFLITTO IN ETÀ NUCLEARE