Le problematiche relative al rilievo dei Beni Culturali sono inquadrate nel più recente contesto normativo ed analizzate sottolineando il ruolo fondamentale di un approccio multidisciplinare. Denunciata la persistente carenza di standard relativi tanto alle procedure quanto ai risultati attesi da un rilievo metrico, si sottolinea che le caratteristiche dell’oggetto da rilevare e le finalità del rilievo stesso influenzano ed indirizzano la scelta di strumentazione e modalità operative. Il modello di punti generato dalla scansione 3D di un oggetto o di un’architettura consente di trasporre le operazioni del rilievo dall’oggetto stesso al suo modello. I vantaggi sono evidenti e principalmente legati alla virtualizzazione delle analisi, condotte ora davanti ad un pc invece che in situ. Altrettanto importanti, però, sono i limiti, legati in primo luogo al carattere discreto dei dati acquisiti. Attraverso numerose esperienze condotte su edifici e manufatti di rilevante interesse è descritta la pipe line di lavoro relativa a rilievi che integrano sistemi topografici, laser scanner e fotogrammetrici: - Acquisizione: pianificazione delle operazioni sul campo, geometria di presa, risoluzione di scansione, inquadramento e appoggio topografico; - Registrazione e referenziazione, tramite punti naturali e/o target; - Elaborazioni necessarie per passare da un modello desctitto da punti discreti ad uno definito da una superficie continua: pre-processing, riduzione del rumore, segmentazione dei dati, decimazione e triangolazione.

Il laser scanner terrestre e il rilievo dei Beni Culturali / V. Bonora; G. Tucci. - STAMPA. - (2007), pp. 89-123.

Il laser scanner terrestre e il rilievo dei Beni Culturali

BONORA, VALENTINA;TUCCI, GRAZIA
2007

Abstract

Le problematiche relative al rilievo dei Beni Culturali sono inquadrate nel più recente contesto normativo ed analizzate sottolineando il ruolo fondamentale di un approccio multidisciplinare. Denunciata la persistente carenza di standard relativi tanto alle procedure quanto ai risultati attesi da un rilievo metrico, si sottolinea che le caratteristiche dell’oggetto da rilevare e le finalità del rilievo stesso influenzano ed indirizzano la scelta di strumentazione e modalità operative. Il modello di punti generato dalla scansione 3D di un oggetto o di un’architettura consente di trasporre le operazioni del rilievo dall’oggetto stesso al suo modello. I vantaggi sono evidenti e principalmente legati alla virtualizzazione delle analisi, condotte ora davanti ad un pc invece che in situ. Altrettanto importanti, però, sono i limiti, legati in primo luogo al carattere discreto dei dati acquisiti. Attraverso numerose esperienze condotte su edifici e manufatti di rilevante interesse è descritta la pipe line di lavoro relativa a rilievi che integrano sistemi topografici, laser scanner e fotogrammetrici: - Acquisizione: pianificazione delle operazioni sul campo, geometria di presa, risoluzione di scansione, inquadramento e appoggio topografico; - Registrazione e referenziazione, tramite punti naturali e/o target; - Elaborazioni necessarie per passare da un modello desctitto da punti discreti ad uno definito da una superficie continua: pre-processing, riduzione del rumore, segmentazione dei dati, decimazione e triangolazione.
9788860551191
Sistemi a scansione per l'architettura e il territorio
89
123
V. Bonora; G. Tucci
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Bonora-Tucci_cap.4_libro2007.pdf

Accesso chiuso

Tipologia: Versione finale referata (Postprint, Accepted manuscript)
Licenza: DRM non definito
Dimensione 7.89 MB
Formato Adobe PDF
7.89 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in FLORE sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2158/259034
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact