Un ricordo di Gian Carlo Leoncilli Massi