Ragione e passione: su una modalità del sentire nello ‘Zibaldone’