Uso e percezione del tempo: una falsa dicotomia