Il controverso canone della modernità nelle arti visive