I rapporti di Ernesto Balducci con i dissociati dal terrorismo e con la realtà del carcere