Il realismo magico: una ricognizione