Verso la magnificenza granducale: Vasari, Ammannati e gli altri