Il saggio intende ricostruire, attraverso documenti inediti come le lettere del Carteggio Palazzeschi – Soffici (1912-1960), la memoria di un sodalizio umano e intellettuale, particolarmente attivo durante la breve ma intensa stagione del futurismo fiorentino e della comune avventura lacerbiana (1913-1915). La ricchezza di questa documentazione, che non trova corrispondenza nei più formali e misurati scambi epistolari intrecciati in quegli stessi anni con Papini e Prezzolini, permette di ripercorrere le varie fasi dell’adesione di Palazzeschi al Futurismo (dall’attiva partecipazione all’improvvisa e definitiva rottura con Marinetti) e di cogliere l’originalità del suo contributo artistico a “Lacerba”, il battagliero foglio dell’avanguardia fiorentina; di scoprire il talento di imprenditore culturale di Soffici (mai disgiunto, peraltro, da un’autentica e folgorante intuizione dell’«arte» palazzeschiana) e di entrare, infine, nell’officina poetica di entrambi gli scrittori. // This essay aims to bring to light unpublished documents such as letters from the collection of Palazzeschi – Soffici Correspondence (1912-1960), with a view to reconstructing the story of a intellectual and brotherly fellowship, particularly dynamic during the brief but intense season of Florentine Futurism and the shared adventure of the publication ‘Lacerba’ (1913-1915). The more formal and measured correspondence exchanged over the same years with Papini and Prezzolini cannot compete with the richness of this documentation, which allows us to trace the various phases of Palazzeschi’s subscription to Futurism (from active participation to his sudden and final breaking off with Marinetti), as well as the originality of his artistic contribution to ‘Lacerba’, the hard-line journal of the Florentine avant-garde. This correspondence also reveals Soffici’s talent as a cultural entrepreneur (which was always united with a sharp and authentic intuition for Palazzeschi’s ‘art’), and finally ushers us into the poetic workshop of both writers.

Un'amicizia lacerbiana: Palazzeschi e Soffici / S. Magherini. - STAMPA. - (2008), pp. 47-69.

Un'amicizia lacerbiana: Palazzeschi e Soffici

MAGHERINI, SIMONE
2008

Abstract

Il saggio intende ricostruire, attraverso documenti inediti come le lettere del Carteggio Palazzeschi – Soffici (1912-1960), la memoria di un sodalizio umano e intellettuale, particolarmente attivo durante la breve ma intensa stagione del futurismo fiorentino e della comune avventura lacerbiana (1913-1915). La ricchezza di questa documentazione, che non trova corrispondenza nei più formali e misurati scambi epistolari intrecciati in quegli stessi anni con Papini e Prezzolini, permette di ripercorrere le varie fasi dell’adesione di Palazzeschi al Futurismo (dall’attiva partecipazione all’improvvisa e definitiva rottura con Marinetti) e di cogliere l’originalità del suo contributo artistico a “Lacerba”, il battagliero foglio dell’avanguardia fiorentina; di scoprire il talento di imprenditore culturale di Soffici (mai disgiunto, peraltro, da un’autentica e folgorante intuizione dell’«arte» palazzeschiana) e di entrare, infine, nell’officina poetica di entrambi gli scrittori. // This essay aims to bring to light unpublished documents such as letters from the collection of Palazzeschi – Soffici Correspondence (1912-1960), with a view to reconstructing the story of a intellectual and brotherly fellowship, particularly dynamic during the brief but intense season of Florentine Futurism and the shared adventure of the publication ‘Lacerba’ (1913-1915). The more formal and measured correspondence exchanged over the same years with Papini and Prezzolini cannot compete with the richness of this documentation, which allows us to trace the various phases of Palazzeschi’s subscription to Futurism (from active participation to his sudden and final breaking off with Marinetti), as well as the originality of his artistic contribution to ‘Lacerba’, the hard-line journal of the Florentine avant-garde. This correspondence also reveals Soffici’s talent as a cultural entrepreneur (which was always united with a sharp and authentic intuition for Palazzeschi’s ‘art’), and finally ushers us into the poetic workshop of both writers.
9788860320551
L'arte del Saltimbanco. Aldo Palazzeschi tra due avanguardie, Atti del Convegno Internazionale di Studi (Toronto, 29-30 settembre 2006), organizzato dal Centro di Studi Palazzeschi dell'Università di Firenze; Centro Scuola e Cultura Italiana-Columbus Centre, Toronto; Department of French, German and Italian, University of Toronto at Mississauga; Department of Italian Studies, University of Toronto; Department of Languages, Literatures and Linguistics, York University; Emilio Goggio Chaiur in Italian Studies, University of Toronto; Istituto Italiano di Cultura, Toronto.
47
69
S. Magherini
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
un'amicizia lacerbiana palazzeschi e soffici.pdf

Accesso chiuso

Tipologia: Versione finale referata (Postprint, Accepted manuscript)
Licenza: DRM non definito
Dimensione 139.67 kB
Formato Adobe PDF
139.67 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in FLORE sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2158/517282
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact