Rileggendo la «Cronica» di Dino Compagni: comuni, signori, tiranni