Quando la macchina fotografica non c'è. La fotografia mentale di Paolo Mantegazza