Tokyo tra ipertrofia e frammentazione