La trance sciamanica: esperienza estatica o performance rituale?