Iter diagnostico: le metodiche non invasive rappresentano oggi il gold standard?