Scrivere e balbettare. L'affetto in Gilles Deleuze