Cicerone, Seneca e il volto dell’amico. Affettività e simulazione nei rapporti di potere