Il riflesso civile di una rivista di “varia umanità”