La legge del padre. A proposito di 'the Lover's melancholy' di John Ford