Sulla terminologia linguistica di B. Migliorini