Tendenze libertarie in Toscana: il caso Prato