Alcune considerazioni sul mercato del petrolio e sulle logiche aterritoriali della globalizzazione