Il campione della Capriola e l’area di Cardoso