Riflessioni sul «visibile parlare»