La presente scheda è la terza delle tre inserite nell'anagrafe della ricerca, che riportano i contributi dell'autore al volume "Politiche del lavoro e sviluppo locale. I patti territoriali". Il volume comprende un'analisi sui patti territoriali, uno strumento delle politiche regionali, osservati con riferimento all'esperienza toscana dei quattro patti della provincia di Massa Carrara, della provincia di Livorno, dell'area Piombino-Val di Cornia e della Maremma grossetata. Il lavoro analizza il processo di formazione dei patti, ne valuta l'impianto generale e ne stima la congruenza rispetto alle esigenze economiche di riorientamento dei sistemi territoriali in questione. Come riportato dal retrofrontespizio, il lavoro è stato affidato dall'Irpet (Istituto per la programmazione economica della Toscana) a un gruppo composto da amministrativisti e geografi economisti. Quest'ultimo gruppo, che comprendeva anche Paolo Doccioli e Filippo Randelli, era coordinato dallo scrivente, che ha curato la parte metodologica dell'analisi economico-territoriale (2.3.1.) e l'analisi del patto della Maremma grossetana (2.3.3), ambedue riportate in altre schede, e la presente valutazione complessiva delle quattro esperienze e dello strumento patto (2.4.). Nel presente paragrafo viene premessa una valutazione sugli indicatori adottati quale risulta dal loro utilizzo, e la valutazione complessiva delle quattro esperienze, singolarmente e complessivamente intese. La parte conclusiva discute l'utilità e i limiti delle valutazioni di tipo quantitativo ed esprime alcuni suggerimenti operativi che derivano dalle criticità evidenziate nell'analisi, prospettanto alcuni aggiornamenti metodologici.Si fa presente che dei quattro paragrafi interni, quelli 2.4.1., 2.4.3. e 2.4.4. sono di integrale responsabilità dell'autore, mentre il paragrafo 2.4.2. contiene le valutazioni specifiche dei quattro patti, che sono state realizzate singolarmente da P. Doccioli (Massa Carrara), F. Randelli (Livorno e Piombino), F. Dini (Grosseto). Il contributo al punto 2.4.2. dei singoli autori quale deriva dalle indicazioni del retrofrontespizio non è pertanto separabile.

"2.4. La valutazione dei patti territoriali" / F. Dini. - STAMPA. - (2002), pp. 319-430.

"2.4. La valutazione dei patti territoriali"

DINI, FRANCESCO
2002

Abstract

La presente scheda è la terza delle tre inserite nell'anagrafe della ricerca, che riportano i contributi dell'autore al volume "Politiche del lavoro e sviluppo locale. I patti territoriali". Il volume comprende un'analisi sui patti territoriali, uno strumento delle politiche regionali, osservati con riferimento all'esperienza toscana dei quattro patti della provincia di Massa Carrara, della provincia di Livorno, dell'area Piombino-Val di Cornia e della Maremma grossetata. Il lavoro analizza il processo di formazione dei patti, ne valuta l'impianto generale e ne stima la congruenza rispetto alle esigenze economiche di riorientamento dei sistemi territoriali in questione. Come riportato dal retrofrontespizio, il lavoro è stato affidato dall'Irpet (Istituto per la programmazione economica della Toscana) a un gruppo composto da amministrativisti e geografi economisti. Quest'ultimo gruppo, che comprendeva anche Paolo Doccioli e Filippo Randelli, era coordinato dallo scrivente, che ha curato la parte metodologica dell'analisi economico-territoriale (2.3.1.) e l'analisi del patto della Maremma grossetana (2.3.3), ambedue riportate in altre schede, e la presente valutazione complessiva delle quattro esperienze e dello strumento patto (2.4.). Nel presente paragrafo viene premessa una valutazione sugli indicatori adottati quale risulta dal loro utilizzo, e la valutazione complessiva delle quattro esperienze, singolarmente e complessivamente intese. La parte conclusiva discute l'utilità e i limiti delle valutazioni di tipo quantitativo ed esprime alcuni suggerimenti operativi che derivano dalle criticità evidenziate nell'analisi, prospettanto alcuni aggiornamenti metodologici.Si fa presente che dei quattro paragrafi interni, quelli 2.4.1., 2.4.3. e 2.4.4. sono di integrale responsabilità dell'autore, mentre il paragrafo 2.4.2. contiene le valutazioni specifiche dei quattro patti, che sono state realizzate singolarmente da P. Doccioli (Massa Carrara), F. Randelli (Livorno e Piombino), F. Dini (Grosseto). Il contributo al punto 2.4.2. dei singoli autori quale deriva dalle indicazioni del retrofrontespizio non è pertanto separabile.
9788809025578
Politiche del lavoro e sviluppo locale. I patti territoriali
319
430
F. Dini
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
DINI GIUNTI 2002 - 2.4 La valutazione dei patti territoriali.pdf

Accesso chiuso

Tipologia: Versione finale referata (Postprint, Accepted manuscript)
Licenza: DRM non definito
Dimensione 227.8 kB
Formato Adobe PDF
227.8 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Politiche del lavoro Patti territoriali Giunti 2002.pdf

Accesso chiuso

Tipologia: Versione finale referata (Postprint, Accepted manuscript)
Licenza: DRM non definito
Dimensione 1.19 MB
Formato Adobe PDF
1.19 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in FLORE sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2158/778229
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact