Il testo mette a confronto il percorso di costruzione dell'identità locale in un territorio con quello della pratica della differenza di genere. Il testo evidenza due modalità etreme presenti nella tarda modernità di ralazionarsi alla differenza. Da un lato la differenza interpretata come chiusura, esclusione difensiva e negazione dell'alterità; dall'altro come ricpnoscimento delle diversità all'interno di un mondo relazionale che connota eguele dignità all'Altro. Sulla seconda opzione è costruita l'argomentazione volta all'inividuazione di strumenti attivi nella ricostruzione costante dell'identità locale.

Il pensiero meridiano come percorso e pratica della differenza / D. Poli. - STAMPA. - (1998), pp. 397-410.

Il pensiero meridiano come percorso e pratica della differenza

POLI, DANIELA
1998

Abstract

Il testo mette a confronto il percorso di costruzione dell'identità locale in un territorio con quello della pratica della differenza di genere. Il testo evidenza due modalità etreme presenti nella tarda modernità di ralazionarsi alla differenza. Da un lato la differenza interpretata come chiusura, esclusione difensiva e negazione dell'alterità; dall'altro come ricpnoscimento delle diversità all'interno di un mondo relazionale che connota eguele dignità all'Altro. Sulla seconda opzione è costruita l'argomentazione volta all'inividuazione di strumenti attivi nella ricostruzione costante dell'identità locale.
9788871464329
Come se ci fossero le stelle. Trasformazioni della città e del territorio: percorsi meridiani tra sviluppo locale e processi globali
397
410
D. Poli
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in FLORE sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2158/8043
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact