"Recipiantur in choro [...] qualiter benigne et caritative tractantur". Per una storia delle relazioni fra Camaldolesi e Vallombrosani (XI-XV secolo)