Un progetto per la valorizzazione dell’acquacoltura toscana ha studiato l’applicazione della tecnica di separazione meccanica alle carni di diverse specie ittiche, nell’ottica di ridurre gli “scarti” dell’allevamento (animali danneggiati o sotto taglia), e di sfruttare la materia prima ottenendo nuovi prodotti, tipo “fishburger”.

CARNE DI PESCE SEPARATA MECCANICAMENTE: UN’OPPORTUNITÀ DA VALORIZZARE / Secci, Giulia; Parisi, Giuliana; Zanoni, Bruno. - In: TECNOLOGIE ALIMENTARI. SISTEMI PER PRODURRE. - ISSN 1120-5334. - ELETTRONICO. - 7(2016), pp. 42-44.

CARNE DI PESCE SEPARATA MECCANICAMENTE: UN’OPPORTUNITÀ DA VALORIZZARE

SECCI, GIULIA;PARISI, GIULIANA;ZANONI, BRUNO
2016

Abstract

Un progetto per la valorizzazione dell’acquacoltura toscana ha studiato l’applicazione della tecnica di separazione meccanica alle carni di diverse specie ittiche, nell’ottica di ridurre gli “scarti” dell’allevamento (animali danneggiati o sotto taglia), e di sfruttare la materia prima ottenendo nuovi prodotti, tipo “fishburger”.
7
42
44
Secci, Giulia; Parisi, Giuliana; Zanoni, Bruno
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
ART_UNIFI.PDF

Accesso chiuso

Tipologia: Pdf editoriale (Version of record)
Licenza: DRM non definito
Dimensione 210.61 kB
Formato Adobe PDF
210.61 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in FLORE sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2158/1067865
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact