I canali del dissenso. Case editrici, centri culturali, eventi.