Le tecniche digitali di acquisizione di dati tridimensionali (scansioni tomografiche, fotogrammetriche o di superficie) stanno trovando applicazione sempre più ampia e diffusa sia in ambito di ricerca che museale. Ciò è dovuto ai numerosi vantaggi che i campioni 3D offrono tanto per la ricerca (acquisizione di dati su volumi interni, caratteristiche strutturali dei campioni, geometrie a tutto tondo per analisi statistiche, ecc.) quanto per i musei (divulgazione più efficace, edutainment, occasione per pratiche di open-science, ecc.). Anche in paleontologia, una branca di recente sviluppo, è la Paleontologia Virtuale, che si è sviluppata sempre di più negli ultimi dieci anni, soprattutto grazie alla comparsa di tecniche sempre innovative per lo studio dei fossili. Applichiamo qui delle tecniche digitali di acquisizione 3D tomografiche e tramite scanner ad alta risoluzione ai fossili di Cava Monticino, descrivendo l’uso, le possibilità, i limiti e discutendone i vantaggi sia scientifici che espositivi di tali applicazioni.

Applicazioni di paleontologia virtuale su resti fossili e blocchi ossiferi di Cava Monticino (Brisighella, RA) / Bartolini Lucenti S., Cirilli O., Pandolfi L., Sami M., Dedola G.L., Rook L.. - STAMPA. - (2021), pp. 35-46.

Applicazioni di paleontologia virtuale su resti fossili e blocchi ossiferi di Cava Monticino (Brisighella, RA)

Bartolini Lucenti S.;Pandolfi L.;Rook L.
2021

Abstract

Le tecniche digitali di acquisizione di dati tridimensionali (scansioni tomografiche, fotogrammetriche o di superficie) stanno trovando applicazione sempre più ampia e diffusa sia in ambito di ricerca che museale. Ciò è dovuto ai numerosi vantaggi che i campioni 3D offrono tanto per la ricerca (acquisizione di dati su volumi interni, caratteristiche strutturali dei campioni, geometrie a tutto tondo per analisi statistiche, ecc.) quanto per i musei (divulgazione più efficace, edutainment, occasione per pratiche di open-science, ecc.). Anche in paleontologia, una branca di recente sviluppo, è la Paleontologia Virtuale, che si è sviluppata sempre di più negli ultimi dieci anni, soprattutto grazie alla comparsa di tecniche sempre innovative per lo studio dei fossili. Applichiamo qui delle tecniche digitali di acquisizione 3D tomografiche e tramite scanner ad alta risoluzione ai fossili di Cava Monticino, descrivendo l’uso, le possibilità, i limiti e discutendone i vantaggi sia scientifici che espositivi di tali applicazioni.
978-88-943271-5-1
LA FAUNA MESSINIANA DI CAVA MONTICINO (BRISIGHELLA, RA)
35
46
Goal 4: Quality education
Goal 15: Life on land
Bartolini Lucenti S., Cirilli O., Pandolfi L., Sami M., Dedola G.L., Rook L.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2-BartoliniLucenti et alii 2021_Mem Ist Ital Speleologia 37.pdf

accesso aperto

Descrizione: 3D scan BRS
Tipologia: Pdf editoriale (Version of record)
Licenza: Open Access
Dimensione 491.52 kB
Formato Adobe PDF
491.52 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in FLORE sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2158/1245243
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact